diritto e calcio

One Comment

  1. santino
    settembre 9, 2017 @ 18:48

    si assiste oggigiorno alla richiesta continua e pressante delle società professionistiche , specie per i settori giovanili, della rinuncia al premio di preparazione…. mi chiedo ma non sarebbe opportuno non consentire a nessuna società l’utilizzo di tale documento di rinuncia??? Se si accetta che la società che ha cresciuto un giovane calciatore rinunci al premio come regola provante un adempimento della società a cui il calciatore viene ceduto allora questo rappresenta sempre il solito strumento nelle mani delle società professionistiche a discapito delle scuole calcio. queste ultime devono sopportare anche la pressione dei genitori che qualora il proprio ragazzo è interessato al passaggio a società professionistiche va a trovare i vari presidenti delle scuola calcio … insomma credo che questo meccanismo vada completamente abolito.. per cui per il tesseramento di giovani calciatori in settori giovanili di società professionistiche deve avvenire senza documenti di rinuncia.. la società non chiedendo il premio preparazione entro i tre anni di fatto rinuncia…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *